A sei mesi

Soldi per provino di calcio, ma era truffa: condanna per il falso talent-scout

17 febbraio 2020

 

E’ stato condannato a sei mesi il 26enne dell’Aquila che truffò un venticinquenne residente ad Alseno promettendogli un provino per giocare nel Mendrisio, squadra del cantone del Ticino che milita nella seconda lega.

Un sogno, quello del giovane calciatore, che si era trasformato in un incubo nel quale aveva perso dei soldi. Il sedicente talent scout, infatti, era riuscito a farsi versare 500 euro e aveva chiesto le spese per la trasferta in Svizzera.
Un raggiro finito in tribunale. Secondo gli accertamenti dei carabinieri il truffatore non era nuovo a questi imbrogli e avrebbe ingannato almeno una dozzina di calciatori, sempre con lo stesso sistema. Per ogni promessa di provino (mai mantenuta) avrebbe incassato cifre compresa fra i 500 e i 1000 euro.

La vittima aveva contattato il falso talent scout su un sito internet di inserzioni ed era emersa questa opportunità; dopo i primi contatti il ragazzo aveva quindi versato la cifra richiesta sul numero di Postepay che gli era stato indicato. Del provino, però, nessuna traccia, così come dell’imbroglione che non aveva più risposto né su internet né al telefono. Al calciatore non era rimasto altro da fare che rivolgersi ai carabinieri di Fiorenzuola.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE