Villanova

Ciclopedonale sull’Arda, maxi cantiere da 800mila euro

5 marzo 2020

Partiti i lavori di realizzazione del manufatto che consentirà di dare continuità all’itinerario cicloturistico “Via Po” a Villanova, nel punto dove l’argine maestro del Po viene interrotto dall’alveo dell’Arda. Attualmente, per collegare i due tratti, è necessario percorrere un percorso piuttosto complesso e tortuoso, di circa 6,6 km lungo strade comunali e provinciali con notevoli aspetti di criticità per la sicurezza.

Un intervento del valore complessivo di 800.000 euro cofinanziato nella misura del 50% dalla Provincia e dalla Regione Emilia Romagna attraverso l’utilizzo dei Fondi comunitari per lo Sviluppo e coesione.

“Lo sviluppo della mobilità sostenibile, la sicurezza stradale e la sostenibilità ambientale – commenta il presidente Patrizia Barbieri – sono una priorità dell’Amministrazione provinciale. Questo intervento, in capo all’ente, darà continuità all’itinerario cicloturistico lungo l’argine del Po evitando all’utenza l’utilizzo di percorsi tortuosi e pericolosi. L’opera rappresenta il completamento del percorso in “Destra Po” che costituisce una opportunità di interesse per gli utenti della Ciclovia Ven.To, sulla sponda sinistra del Po, creando un “anello” di integrazione e complementarità forte, per il godimento di importanti aree di interesse naturalistico, storico, ambientale dell’ambito territoriale del fiume che già naturalmente unisce e integra le due sponde. Tale integrazione del percorso consente di valorizzare un legame tra due regioni (Lombardia ed Emilia Romagna) non solo per aspetti di carattere territoriale ed ambientale, ma anche in relazione ad importanti progetti turistico-culturali già in essere legati alla musica e all’enogastronomia. E’ frutto del lavoro di squadra tra la Provincia e il Comune di Villanova che – lo ricordo – dopo il collaudo diverrà proprietario e soggetto gestore dell’opera.”

Soddisfatto anche il sindaco Romano Freddi: “La realizzazione del manufatto consente una migliore fruizione della “Via Po” migliorando altresì il collegamento con l’itinerario cicloturistico presente nel territorio parmense, offrendo inoltre la capacità di connessione di importanti ciclovie di interesse regionale e nazionale capaci di attrarre fruitori sia nazionali che internazionali. Aggiungo inoltre che verrà finanziato anche l’intervento di collegamento con via Stallone a Sant’Agata Verdi”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Val D'Arda