Approvato il decreto “Cura Italia”, Conte: “Attivati 350 miliardi nel sistema economico”

16 Marzo 2020

E’ stato approvato oggi, lunedì 16 marzo, l’atteso decreto che il Consiglio dei Ministri ha licenziato in serata, soprannominato “Curaitalia”. Oltre cento articoli per una manovra che vale 25 miliardi di euro ma che, stando a quanto dichiarato dal premier Giuseppe Conte in conferenza stampa, “una poderosa azione che attiva 350 miliardi di euro nel circuito economico”.

Tre miliardi e mezzo sono destinati al comparto della Sanità e della Protezione Civile, anche “a sostegno del lavoro eroico e straordinario” messo in atto da chi sta lottando in prima linea contro il contagio da Covid-19.

Previste per tutte le aziende la possibilit di usufruire di nove settimane di cassa integrazione in deroga; per i lavoratori autonomi invece, prevista una somma pari a 500 euro una tantum che potrebbe essere rinnovata con un nuovo decreto, previsto ad aprile.

Si sostengono le famiglie con la possibilità di congedi speciali retribuiti (al 50% dello stipendio) per 15 giorni o, in alternativa, un bonus vaucher spendibile per ricorrere ad una baby sitter (600 euro).

Sono sospese le rate dei muti, fino a 18 mesi, per chi si trova in stato di crisi economica. Proprio per prevenire situazioni di gravi situazioni di carenza di liquidi, stoppate le cartelle esattoriali e sospesi fino a giugno i versamenti dei contributi 2020.

IL DECRETO CURAITALIA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà