Con Teatro Gioco Vita

Telelibertà non si ferma e porta anche il teatro in tv

16 marzo 2020


Se il coronavirus ha obbligato mamma Rai ad adeguare i palinsesti al ribasso, ampliando però l’offerta di intrattenimento culturale e formativa, la tivù dei piacentini, nel suo piccolo, non sta a guardare. Preziosa sinergia, lodevole iniziativa quella messa in campo da Telelibertà e il centro teatrale piacentino diretto da Diego Maj: grazie alla collaborazione tra Editoriale Libertà e Teatro Gioco Vita saranno trasmesse sulla nostra emittente una decina di registrazioni di spettacoli “made in TGV” rivolti alle diverse fasce di pubblico.

Tra le produzioni recenti Telelibertà trasmetterà “Il più furbo” da Mario Ramos (2018), “Io e niente” da Kitty Crowther (2017) e “Moun” di Rascal (2016). Poi ancora, “Il cielo degli orsi” da Dolf Verroen & Wolf Erlbruch (2014) e “Piccolo Asmodeo” da Ulf Stark (2012). Diversi titoli saranno espressamente rivolti alla prima infanzia, come i piccoli immortali capolavori “Circoluna” e “Ranocchio” (riallestito nel 2019 per il decennale, se ne vedrà il debutto originario). Rivolti a tutto il pubblico ma destinati anche alla programmazione serale saranno “L’uccello di fuoco”, fiaba per musica, ombre e danza da “L’oiseau de feu” di Igor Stravinsky e le figure di Enrico Baj e “Il cavaliere inesistente”. Tra i lavori ancora in distribuzione e destinati a spettatori giovani e adulti anche il toccante “Donna di Porto Pim”, ballata per attore e ombre dal racconto di Antonio Tabucchi.

Appuntamenti fissi che andranno in onda il venerdì, sabato e domenica alle 20.30 con diverse repliche previste in orari pomeridiani. Sarà sufficiente sintonizzarsi sul canale 72 o 98 del digitale terrestre (canale 572 o 598 per la ricezione in alta definizione) oppure collegarsi in streaming all’indirizzo web: www.liberta.it/teleliberta-live.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Telelibertà