Sicurezza sul lavoro

Amazon, prosegue lo stato di agitazione. I sindacati: “Protesta per la salute”

17 marzo 2020

 

Sicurezza sul posto di lavoro, l’emergenza Coronavirus investe in pieno logistica ed edilizia. Prosegue lo stato di agitazione dei lavoratori dell’hub di Amazon a Castel San Giovanni, ma si alzano voci di protesta anche nel settore dell’edilizia.

“Non abbiamo ancora numeri ufficiali, però l’adesione allo sciopero a Castel San Giovanni sembra buona. Il numero di auto nel parcheggio questa mattina era dimezzato rispetto al solito – commenta Pino De Rosa di Ugl Terziario -. Come anticipato, non ci saranno sit in o picchetti, non si tratta di rivendicazioni di contratto, chiediamo misure per la sicurezza e la salute dei lavoratori”.

Lo stato di agitazione è stato proclamato da Fisacat Cisl, Filcams Cgil, Uiltucs Uil e Ugl Terziario.
“Amazon dice che sta mettendo in atto tutte le misure necessarie per la tutela, a noi sembra che si corra ai ripari senza ascoltare i nostri rappresentanti dopo 10 giorni di appelli caduti nel vuoto. C’è un protocollo nazionale da seguire, stiamo a vedere”.

Marco Efori, segretario generale Fillea Cgil di Piacenza, a proposito delle criticità riscontrare nei cantieri edili, tiene alta la guardia: “Il problema principale resta la reperibilità delle mascherine, non solo nel settore dei cantieri. Per il resto, le imprese si stanno muovendo nella giusta direzione, anche se non basta distribuire gel o tenere più puliti i locali. Se non si mette in sicurezza il luogo di lavoro, noi siamo pronti a presentare formale denuncia”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE