Spaccio

“Market della droga” in casa, arrestato 37enne con un chilo e mezzo di marijuana

4 aprile 2020

Nonostante l’emergenza sanitaria in atto, continuano a verificarsi diversi fenomeni criminali legati al consumo di droga. Oltre ad alcuni episodi minori, nella giornata di ieri, venerdì 3 aprile, i carabinieri della stazione di Piacenza Levante hanno arrestato un 37enne nato in Albania e residente in provincia, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, dopo aver scoperto che il giovane aveva avviato un’attività di spaccio nella sua abitazione, lo hanno raggiunto sul posto di lavoro e bloccato, mentre stava per iniziare la sua attività. Addosso il pusher aveva 270 euro. Le forze dell’ordine hanno così esteso la perquisizione all’abitazione, dove sono stati rinvenuti un chilo e mezzo di marijuana in parte già suddivisa in dosi. Da uno zaino sono stati recuperati otto involucri di cellophane, pronti per lo spaccio, ognuno dei quali conteneva circa 30 grammi di droga e, in un sacco nero, tutto il rimanente quantitativo. In camera da letto, oltre che a qualche grammo di hashish, sono stati recuperati anche due grinder e un bilancino di precisione, nonché materiale per il confezionamento di stupefacenti. La droga è stata sequestrata e inviata ad un laboratorio per le analisi quantitative e qualitative. Lo straniero è stato arrestato e condotto in caserma in attesa del processo per direttissima.

Sempre nella giornata di ieri, una pattuglia dei carabinieri della stazione di Castel San Giovanni ha sorpreso un ragazzo di 17anni mentre cedeva circa 18 grammi di marijuana ad un coetaneo nel centro nel paese dove abita. Il giovanissimo spacciatore è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, l’altro invece, residente in un comune limitrofo, è stato segnalato quale assuntore. Insieme a loro vi era anche un giovane di 22anni. Si erano dati appuntamento trasgredendo le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Per questo tutti e tre sono stati denunciati per violazione del decreto anti-Coronavirus.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Provincia