Città piena di gente per la spesa. “Pura follia, si rischia una nuova ondata di contagi”

04 Aprile 2020

Nonostante non ci siano ancora le condizioni per allentare la presa, il centro storico di Piacenza questa mattina, 4 aprile, era pieno di gente. Ad essere presa d’assalto è stata soprattutto via Calzolai dove si concentra un maggior numero di attività legate alla vendita di prodotti alimentari. Si sono formate lunghe code di persone fuori dai negozi, senza il rispetto delle dovute distante di sicurezza con la creazione di pericolosi assembramenti. Complice il bel tempo e forse l’abitudine a dedicare il sabato mattina alla spesa i piacentini si sono riversati nelle strade cittadine. Ma dalle istituzioni e dai medici arriva l’appello a restare a casa e ad uscire solo per necessità comprovate. A Piacenza infatti la situazione resta ancora molto grave nonostante qualche timido segnale positivo.

Il sindaco Patrizia Barbieri parla di “atteggiamento irresponsabile”. “Cosa dobbiamo inventarci per fare capire che la gente a Piacenza muore, che ci sono ancora persone che stanno lottando in rianimazione – spiega il primo cittadino – lo vogliamo fare per evitare che altri cittadini si ammalino e muoiano. Io non tollero questo comportamento in una città così colpita – sottolinea Barbieri-  non è ammissibile che ancora oggi con tutto il dolore che c’è e il dramma che stiamo vivendo ci sia gente senza cognizione”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è l’appello che arriva dal direttore generale dell’Ausl di Piacenza Luca Baldino: “Ho visto la foto che avete pubblicato sul vostro sito, è una pura follia – commenta il dirigente – rischiamo di vanificare tutto il lavoro e lo stress a cui sono stati sottoposti gli operatori sanitari. Imploro i cittadini e chiedo che stiano a casa. Mollare adesso significa fare i conti con una nuova ondata di contagi e di vittime. Non è ancora finita”. Baldino ha spiegato che si stanno vagliando soluzioni future anche dal punto di vista organizzativo per far fronte ad un’eventuale altra emergenza. “L’ospedale nuovo di Piacenza andrà ripensato”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà