A Pasqua super controlli, impiegati anche gli elicotteri. Il prefetto: “Non uscite”

10 Aprile 2020

A Pasqua il territorio piacentino verrà controllato anche dagli elicotteri per individuare i trasgressori delle norme anti-Covid. Lo ha annunciato la prefettura di Piacenza al termine del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica riunitosi oggi pomeriggio (10 aprile).

In vista delle prossime festività sono stati analizzati i principali punti della viabilità ordinaria, con particolare riguardo alla Val Trebbia ma non solo, che saranno presidiati dalla forze dell’ordine e dalle polizie locali per evitare che vi siano spostamenti non consentiti alla luce delle disposizioni normative vigenti.

La Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri provvederanno ad effettuare controlli dall’alto con propri elicotteri per individuare i trasgressori delle normative anti-Covid. Servizi aggiuntivi saranno inoltre assicurati dalla polizia stradale sulla rete autostradale.

I controlli nella nostra provincia saranno svolti in piena sinergia con le forze dell’ordine dei territori limitrofi e in particolare del Cremonese, Lodigiano e Pavese. “È noto, infatti, che per il contenimento della diffusione del coronavirus – si legge in una nota della prefettura – è assolutamente vietato raggiungere le seconde case ovvero ricongiungersi con amici e parenti per i festeggiamenti pasquali. Gli unici spostamenti consentiti, si ricorda, sono quelli relativi a comprovate esigenze lavorative, a motivi di salute e ad estrema ed urgente necessita’, oggetto di autocertificazione da parte degli interessati e controllate dalle forze di polizia anche successivamente”. Ogni comportamento illecito è oggetto di una sanzione amministrativa da 400 a tremila euro. Il prefetto Maurizio Falco raccomanda a tutti i cittadini “un ulteriore sforzo di comprensione e rispetto delle regole per non vanificare il prezioso lavoro che gli operatori sanitari, le forze di polizia e il sistema di protezione civile stanno attuando da settimane”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà