Ancarano: il 28enne Giorgio Simone morto dopo aver infranto una porta a vetri. Disposta l’autopsia

17 Aprile 2020

Era originario di Pozzardo, comune delle provincia di Lecce, Giorgio Simone, il 28enne residente ad Ancarano di Rivergaro che ieri, giovedì 17 aprile, ha perso la vita, sembra, dopo un banale incidente domestico al culmine di una lite con la fidanzata. E’ accaduto intorno alle 23. Stando alle prime ricostruzioni, ma gli accertamenti sul fatto sono ancora in corso, il 28enne sarebbe rientrato all’abitazione situata nella frazione rivergarese: probabilmente a causa di un litigio con la fidanzata, il giovane avrebbe infranto una porta a vetri. Non è ancora chiara la dinamica che ha portato il ragazzo all’impatto con la vetrata.

Un colpo che è costato carissimo: il vetro ha infatti reciso un’arteria di uno degli arti inferiori del 28enne che, nonostante i soccorsi prestati dagli operatori del 118 e della Pubblica Assistenza di Rivergaro, ha perso la vita all’arrivo al pronto soccorso di Piacenza. Trasportata all’ospedale anche la fidanzata dell’uomo che si trovava in stato di shock. Entrambi lavoravano come operatori sanitari. Sul fatto stanno completando gli accertamenti i carabinieri di Rivergaro, nel frattempo l’autorità giudiziaria ha disposto l’autopsia sul corpo della vittima.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà