Focolai nelle Case protette

Contagi che non rallentano, Delledonne: “Stiamo scovando i casi rimasti grazie all’incremento dei tamponi”

21 aprile 2020

“Il numero di contagi da Coronavirus sembra non rallentare perché abbiamo incrementato i tamponi, stiamo cercando di scovare tutti i casi positivi rimasti, soprattutto nella case protette del territorio dove sono presenti alcuni focolai. L’obiettivo è di ridurre al minimo il pericolo di contagio per ripartire con una situazione stabile e sotto controllo”.
Marco Delledonne, direttore del Dipartimento di Salute Pubblica dell’Ausl di Piacenza, tranquillizza sui dati recenti che hanno visto, in alcuni casi, un incremento di contagi, soprattutto in città, a Piacenza.
A far spaventare i numeri recenti, dopo un rallentamento evidente: con i 15 di domenica, i 12 di lunedì e i 10 di martedì il bilancio delle vittime da Coronavirus nel Piacentino è saluto a quota 797. I contagi locali hanno subito un’impennata: domenica (70) e Martedì (67), per un dato complessivo di 3.460 infetti.
“Ad oggi siamo in grado di effettuare 300 tamponi al giorno e abbiamo avviato una verifica a tappeto anche dei casi più lievi. I numeri quindi non devono spaventare, è segno che stiamo lavorando per contrastare la diffusione del virus”, conclude Delledonne.

data-lightbox="liberta " href="https://www.liberta.it/wp-content/uploads/2020/04/grafico-21-aprile-sera.jpg"

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza