Un arresto

Quarantena litigiosa in famiglia e tra vicini: 26 interventi in una settimana

29 aprile 2020

La convivenza forzata e prolungata ha accentuato situazioni di conflitto familiare e non solo. Nell’arco di una settimana i carabinieri sono intervenuti 26 volte per contrasti in famiglia e dissidi tra vicini di casa. In particolare le pattuglie dei carabinieri sono intervenute a Piacenza per discussioni e liti tra due vicini di casa e tra madre e figlio, a Castell’Arquato e Carpaneto Piacentino per accesi diverbi tra vicini di casa, a Ziano Piacentino tra due conviventi, a Rottofreno per una discussione tra due anziani coniugi, a Borgonovo Val Tidone tra padre e figlia.
I militari sono riusciti a mediare, contribuendo a far spegnere la rabbia e calmare gli animi, finché le liti non sono rientrate. Quattro casi invece sono sfociati in denuncia.
Inoltre, non sono mancati gli interventi per liti in strada. Nel primo pomeriggio di ieri, 28 aprile, i carabinieri della Stazione di Piacenza Levante sono intervenuti in città nei pressi della stazione ferroviaria per un diverbio tra due persone. Un 44enne senza fissa dimora ha insultato i carabinieri e li ha colpiti con calci e pugni quando hanno chiesto le generalità. L’uomo è stato arrestato per violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza