Ispezioni dei Nas al Vittorio Emanuele e in altre residenze per anziani

30 Aprile 2020

I carabinieri del Nas di Parma, guidati dal maggiore Gianfranco Di Sario, stanno effettuando una serie di verifiche nelle residenze per anziani della nostra provincia, che in diversi casi si sono rivelate veri e propri focolai di contagio da Covid-19.
L’obiettivo dei militari è capire le condizioni igienico-sanitarie delle strutture, ma anche il rispetto delle prescrizioni di contenimento del rischio da Coronavirus, a partire da isolamento dei casi (sospetti o conclamati) e utilizzo dei dispositivi di sicurezza per operatori e ospiti. I militari sono già stati al Vittorio Emanuele di Piacenza, dove hanno acquisito documentazione relativa alla struttura, al personale e agli ospiti, a cominciare da quelli deceduti nelle ultime settimane. A tal proposito, in un’intervista al quotidiano Libertà in edicola, i vertici del Vittorio Emanuele hanno dichiarato che sono stati “cinque i decessi con tampone positivo e quaranta per sospetto Covid. Senza contare le morti naturali. Abbiamo 65 persone in isolamento funzionale, fra anziani che hanno già avuto il tampone e sono positivi, altri sospetti Covid, altri ancora in attesa dei risultati. Inoltre, abbiamo avuto una quarantina di malati fra infermieri e oss, stanno rientrando, la situazione è migliorata”.

I Nas di Parma hanno in corso altre verifiche nella nostra provincia: in tutti i casi, l’ispezione è effettuata direttamente dai militari con l’ausilio di colleghi del nostro territorio, accompagnati da personale dell’azienda Asl, per poter accertare clinicamente lo stato di salute degli ospiti.

Le istruttorie sono tutt’ora in corso, nessun provvedimento al momento è stato preso.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà