Trancio di melone si blocca nell’esofago, donna salvata in extremis

04 Giugno 2020

Grande paura ieri, in tarda serata, quando al piano terra di una palazzina di via Nino Bixio, a Castel San Giovanni, una anziana donna ha rischiato il soffocamento a causa di un trancio di melone ingoiato e rimasto bloccato nell’esofago. La donna si trovava a tavola con i familiari per consumare la cena quando, dopo aver ingerito un pezzetto del prelibato frutto estivo, ha richiamato l’attenzione dei parenti diventando improvvisamente cianotica, impossibilitata nel respiro. Proprio i commensali hanno provato in ogni modo a mettere in atto manovre che le consentissero di espellere il trancio di melone ma invano; nel frattempo è scattata la macchina dei soccorsi. Sul posto è intervenuta una ambulanza e l’auto medica del 118 di Castello: medici e infermieri hanno disostruito non senza difficoltà l’esofago della sfortunata protagonista della vicenda che ha avuto però lieto epilogo. La donna è stata condotta d’urgenza all’ospedale di Piacenza per accertamenti dettati dal lungo periodo in cui è mancato il respiro, ma tremendo spavento a parte, le sue condizioni sono state giudicate non gravi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà