Sicurezza

Truffe su acquisti online in quarantena, indagano i carabinieri. I consigli utili

7 giugno 2020

L’aumento degli acquisti online nel periodo di quarantena ha fatto registrare anche un incremento di truffe digitali ai danni dei consumatori. Nell’ultima settimana i carabinieri del Comando provinciale di Piacenza hanno ricevuto alcune denunce per questo tipo di reati, avviando gli opportuni accertamenti. In un caso si è trattato del raggiro per l’acquisto di un’autovettura, in un altro per l’acquisto di un gommone con annesso carrello e in altri due i malfattori si sono finti agenti assicurativi e si sono fatti accreditare somme per la stipula di alcuni contratti assicurativi.

I carabinieri richiamano quindi l’attenzione su alcuni utili suggerimenti per non “restare vittima della Rete”. Per fare acquisti in sicurezza è bene:

– prima di acquistare un prodotto o di usufruire di un servizio in Internet, verificare le politiche di vendita e le condizioni di recesso, i tempi di consegna, i costi e le spese di spedizione;
– raccogliere tutti i dati per essere sicuri della reale identità del venditore. Devono essere indicati chiaramente i dati del venditore e cioè il nome dell’azienda e l’indirizzo geografico della sede sociale. Verificare se il venditore è italiano: anche se il server è collocato in Italia, raggiungibile con un indirizzo “.it”, controllare che anche la sede del venditore sia in Italia. Mettere in piedi una truffa su Internet è fin troppo facile: chiunque può chiedere un accesso ad Internet e costruirsi un suo sito;
– verificare l’esistenza della certificazione, cioè di un attestato che comprovi la corrispondenza tra un dato sito e una persona fisica o giuridica. Nei browser è presente una finestra detta “security” che contiene una apposita voce “visiona certificati”;
– scegliere siti con la precisa indicazione di un marchio di qualità, rilasciato da un organismo esterno, che certifica che il sito svolga attività nel rispetto dei diritti dei consumatori;
– prestare particolare attenzione quando si acquista da un sito straniero, dal momento che le normative di riferimento e i controlli a cui sono vincolati possono non essere direttamente apprezzabili e prestare il fianco a critiche nei casi di contenzioso;
– non utilizzare carte di credito in rete in maniera indiscriminata, ma saldare possibilmente con carte pre-pagate cercando di conservare l’anonimato, a meno che i siti non presentino un sistema di protezione della trasmissione dei dati;
– verificare che si tratti di una vendita a prezzo fisso. Nel caso di aste le garanzie per i consumatori sono minori, è quindi consigliabile acquistare solamente su un sito che pubblichi un regolamento chiaro e che preveda delle soluzioni in caso di frode da parte del venditore;
– non fornire i dati personali se non si è sicuri riguardo alle motivazioni d’uso;
– conservare con cura una copia di tutti gli ordini fatti e dei documenti relativi (e-mail scambiate con il venditore, informazioni sulle condizioni di vendita, etc.), nonché, in modo particolarmente sicuro, le password e i codici, soprattutto quelli per accedere ai servizi Internet di natura finanziaria.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE