Violente rapine e assalti al bancomat: sgominata la banda che colpì anche a Piacenza

07 Luglio 2020

Aveva la disponibilità di un appartamento in Val Tidone uno dei componenti della banda di sei rapinatori italiani (di etnia rom) con base nei campi nomadi, sgominata dalla Squadra Mobile della questura di Milano. Cinque sono stati arrestati, uno è tuttora ricercato.
Uno di questi era sottoposto alla misura dell’affidamento in prova in una comunità terapeutica a Pianello.
Il sodalizio criminale era dedito a rapine particolarmente violente di auto di lusso di grossa cilindrata, spesso utilizzate poi per la commissione di altre rapine e di furti in sportelli bancomat in diversi istituti bancari dell’hinterland milanese, ricorrendo alla tecnica dell’esplosione con acetilene.
La banda colpì anche a Piacenza: nel febbraio 2020 il proprietario di una Golf GTI, mentre stava per salire in auto, fu scaraventato a terra e la vettura gli fu rubata.
Gli arresti sono stati eseguiti tra le province di Milano, Pavia e Bergamo in un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo lombardo. Due i campi nomadi di Milano sottoposti ai controlli: via Martirano e via della Chiesa Rossa.
La Mobile di Piacenza ha invece perquisito l’appartamento piacentino nella disponibilità di uno degli arrestati.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà