Qualità dell'aria

Allarme ozono, valori oltre i limiti. Numero massimo di sforamenti superato a Montecucco

10 luglio 2020

I riscaldamenti spenti e lo scarso traffico sulle strade hanno contribuito a tenere bassi i valori di Pm10 nell’aria, mediamente attestati tra i 15 e i 30 microgrammi al metro cubo negli ultimi 15 giorni. Ma c’è l’ozono a destare qualche preoccupazione, con valori che vanno dai 145 microgrammi per metro cubo (nella cosiddetta “media mobile” di otto ore) di Besenzone ai 150 di Cortebrugnatella fino ai 163 del parco Montecucco.

L’ozono troposferico è un inquinante tipicamente estivo il cui limite previsto dalla legge è di 25 giorni all’anno con una concentrazione superiore a 120 microgrammi/metro cubo (calcolato sulla media mobile delle 8 ore) e nel corso del 2019 Piacenza, assieme a Lodi, è stata in cima alla classifica delle città che hanno superato il limite, con 80 giorni di sforamento.

Ad oggi il limite è stato superato solo dalla centralina di Montecucco con 29 giornate di sforamento; Lugagnano è appena sotto al limite con 24 giornate, e poi Besenzone con 22 e Cortebrugnatella 18. Resta fuori la centralina di via Giordani, solitamente quella che registra i valori peggiori di Pm10, nella quale l’Ozono non viene rilevato.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE