Quindicenne aggredito da quattro ragazzi durante la manifestazione contro l’omotransfobia

18 Luglio 2020

Prima lo hanno aggredito verbalmente, poi gli hanno lanciato in faccia la bandierina arcobaleno che teneva in mano, fuggendo in bicicletta. Spiacevole episodio questo pomeriggio, sabato 18 luglio, lungo il Pubblico Passeggio a Piacenza, dove un piacentino di 15 anni è stato vittima di un’aggressione durante la manifestazione, organizzata da Arcigay Piacenza Lambda e dall’associazione Non una di meno, per supportare la legge contro l’omotransfobia (Boldrini, Zan Scalfarotto, Perantoni, Bartolozzi) il cui testo unificato è stato adottato martedì in commissione Giustizia alla Camera.

Il quindicenne, stando a una prima ricostruzione, stava raggiungendo il cuore della manifestazione pacifica quando è stato assalito. Fortunatamente non è rimasto ferito. Sul posto gli agenti della polizia di Stato.

Alla manifestazione erano presenti anche la madre e la sorella di Elisa Pomarelli, la giovane piacentina uccisa la scorsa estate dall’amico Massimo Sebastiani.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà