Ieri sera a Lugano

Cade e batte la testa dopo essere stato colpito da un pugno: gravissimo un 26enne piacentino

22 agosto 2020

Quella che avrebbe dovuto essere una breve vacanza a Lugano di due amici piacentini si è conclusa in modo drammatico. Il più grande dei due, infatti, un ventinovenne di origini straniere di Nibbiano, avrebbe sferrato un pugno al volto dell’amico, un operaio ventiseienne di Pecorara. Il giovane, cadendo a terra, pare abbia battuto con violenza la testa. Il ventinovenne è stato quindi arrestato con l’accusa di lesioni gravi, mentre il ragazzo ferito è stato ricoverato all’ospedale della città Svizzera in condizioni gravissime.

Il fatto è avvenuto intorno alle 20.30 di venerdì 22 agosto in via Stauffacher. La lite, di cui al momento ancora non si conoscono i contorni, sarebbe scoppiata improvvisamente. I due, stando a una prima ricostruzione, avevano comunicato ad amici e parenti l’intenzione di assentarsi per una breve gita. La notizia è stata resa nota dalla polizia cantonale Svizzera di Lugano (che sui dettagli della vicenda mantiene per il momento il più stretto riserbo) e diffusa dal Corriere del Ticino.

Il giovane rimasto ferito è stato sottoposto dai medici svizzeri ad un delicato intervento chirurgico proteso ad assorbire l’ematoma provocato dalla caduta. Un intervento che è durato per circa quattro ore e che pare abbia avuto esito positivo. Le condizioni del giovane restano però molto gravi.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE