Chieste azioni urgenti

Incidenti provocati da cinghiali. Coldiretti: “Eventi intollerabili”

2 ottobre 2020

“Ancora una volta dobbiamo tristemente constatare che la sicurezza umana, di fronte al proliferare incontrollato della fauna selvatica, è sotto attacco” – afferma Ugo Agnelli, presidente di Coldiretti Piacenza, in merito all’incidente mortale sull’A26 avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì, provocato dalla presenza di due cinghiali sul manto stradale. L’incidente è costato la vita a due persone di 32 e 39 anni. Secondo le ricostruzioni, l’auto avrebbe investito i due animali all’altezza del casello di Biandrate, in provincia di Novara, e sarebbe poi finita fuori strada. Ma anche a Piacenza la situazione sarebbe critica: “Questo evento di cronaca – commenta Agnelli – allunga una lista che risulta sempre più difficile da tollerare, e che tocca nel vivo un tema da sempre all’attenzione di Coldiretti. La presenza in sovrannumero degli ungulati costituisce un problema grave, che necessita di essere affrontato con la massima urgenza”.

PIANO STRAORDINARIO – “Dagli incontri organizzati durante tutta l’estate con i vari portatori di interesse sul territorio – prosegue il presidente Agnelli – è emersa chiaramente l’esigenza di un piano straordinario di contenimento della fauna selvatica, in modo tale da riportarne la presenza sotto una soglia che risulti sostenibile per il territorio”.

LE RICHIESTE – “Chiediamo quindi alle istituzioni una rapida e concreta attivazione, in modo tale da ridurre al minimo il rischio che si verifichino nuovamente gravi eventi e proteggere i raccolti degli agricoltori” – conclude il presidente Agnelli.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE