Emergenza Coronavirus

Dopo le chiusure in Lombardia, il sindaco scrive a Conte: “Intervenga con regia unica”

24 ottobre 2020

“Richiedo un provvedimento urgente. L’ordinanza assunta nei giorni scorsi dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana che, tra le altre cose, prevede la chiusura dei centri commerciali non essenziali nel week-end, sta creando allarme e fondati timori nella nostra provincia; si rischia ciò che purtroppo è accaduto nel febbraio scorso, quando tanti lombardi si sono riversati nel territorio piacentino, favorendo così contatti che hanno portato ad un incremento notevole del contagio da Coronavirus” – è questo parte del contenuto della lettera che stamattina, 24 ottobre, il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri ha inviato al Premier Giuseppe Conte, al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, al ministro della Salute Roberto Speranza e ai presidenti delle regioni Emilia Romagna e Lombardia Stefano Bonaccini e Attilio Fontana.

Il primo cittadino chiede al Governo che si assuma la responsabilità di agire con una regia unica per combattere la pandemia che sta mettendo in ginocchio tutta l’Italia. “L’emergenza in questo momento coinvolge tutti, serve dunque un comando unico, perché lasciare ai singoli territori la facoltà di assumente provvedimenti diversi tra loro e a macchia di leopardo rischia solo di vanificarne l’efficacia” – spiega Barbieri.

“Faccio notare che il nostro territorio è confinante su più lati con la Lombardia e ha già pagato un altissimo prezzo in termini di contagiati e di decessi e i numeri di positivi che si registrano in questi giorni destano estrema preoccupazione” – prosegue la missiva – chiedo l’assunzione di un provvedimento urgente. Il primo cittadino punta il dito contro questa politica “a due velocità” in territori separati solo da un ponte.

Lettera del sindaco

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE