Nuovo endoscopio, la ricerca arriva su Nature. Nel team il piacentino Scaglioni

25 Ottobre 2020

Un endoscopio meno invasivo per il paziente e più facile da utilizzare per il medico. E’ L’Mfe (Magnetic Flexible Endoscope) e lo sta studiando da oltre un decennio l’Università di Leeds. Del team internazionale fa parte anche il ricercatore piacentino Bruno Scaglioni. Dopo aver vinto il premio per l’innovazione alla più grossa fiera mondiale di dispositivi medicali che si svolge a Düsseldorf, l’articolo dedicato al Mfe, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature. Il nuovo strumento verrà sperimentato su 17 pazienti grazie al finanziamento di due milioni di sterline ricevuti da un’iniziativa di solidarietà del Cancer Research Uk. Bruno Scaglioni, ingegnere informatico, è arrivato all’università di Leeds dopo la laurea al Politecnico, l’attività di ricercatore al Laboratorio Musp di Piacenza e un’esperienza al Mit di Boston.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà