Studio piacentino

Dentisti a rischio contagio: “Diga di gomma può ridurre l’esposizione”

26 ottobre 2020

La categoria degli odontoiatri rientra tra quelle più esposte al contagio da Coronavirus. Ma i professionisti del settore, nonostante il rischio a cui sono sottoposti, non si sono mai tirati indietro, perché le malattie dei denti non sono scomparse di fronte alla diffusione del virus. Un team di esperti, guidato dal piacentino Paolo Generali, medico chirurgo specialista in odontostomatologia, è riuscito però a individuare un prezioso strumento, già utilizzato da anni, come possibile barriera al diffondersi del contagio. Si tratta di una diga di gomma che può rivelarsi estremamente utile per prevenire l’esposizione a Covid-19, soprattutto durante le procedure di rialzo del seno transcrestale senza lembo.

La trasmissione di SARS-CoV-2, durante le procedure dentistiche, può infatti avvenire attraverso l’inalazione di goccioline da pazienti infetti o il contatto diretto con membrane mucose, fluidi orali e strumenti contaminati, a danno del dentista. Sia il rialzo del seno, che gli interventi chirurgici di impianto, spesso comportano sanguinamento ed esposizione a fluidi orali e una diga di gomma potrebbe essere utilizzata per ridurre il contatto diretto e la quantità di aerosol potenzialmente infetto. Lo studio, condotto con Vittorio Checchi Docente di odontoiatria conservativa all’Università di Modena- Reggio Emilia e Luigi Generali, presidente del corso di laurea in Odontoiatria a Modena, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica americana Journal Oral Implantology e può rappresentare davvero un valido aiuto per tutti i professionisti che operano nel settore.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza