Pontieri, il comandante Collina: “Sempre più vicini alla cittadinanza”

10 Novembre 2020

La cerimonia di avvicendamento con il predecessore, il colonnello Salvatore Tambè, si è svolta a porte chiuse il 9 ottobre scorso a causa dell’emergenza sanitaria ma l’intenzione del nuovo comandante del Secondo Reggimento Genio pontieri di Piacenza, il colonnello Federico Collina, è quella di “continuare a mantenere la grande apertura del Reggimento nei confronti della cittadinanza”.

EMERGENZA SANITARIA – In questo periodo di emergenza sanitaria gli uomini del Secondo Reggimento Genio pontieri sono impegnati a supporto del sistema sanitario militare che lavora in stretta partnership con il sistema sanitario nazionale. Durante la prima ondata i militari hanno lavorato per l’allestimento dell’ospedale da campo all’ex Arsenale e per la sanificazione degli edifici pubblici. A Milano, il Secondo Reggimento ha contribuito alla riqualificazione di un padiglione del centro ospedaliero militare aperto per servizi sanitari alla cittadinanza.

OPERAZIONE “CEDRI” IN LIBANO – Sono circa una ventina i militari rientrati nei giorni scorsi dal Libano dove hanno partecipato all’operazione interforze “Cedri” per far fronte alla crisi umanitaria dovuta all’esplosione avvenuta il 4 agosto scorso al porto. I militari del Genio hanno contribuito alla rimozione delle macerie.
“Un’esperienza che dimostra la proiettabilità del Reggimento oltre al territorio nazionale – spiega il comandante – ma c’è molto da fare anche su quello nazionale, dalle operazioni di “homeland security” a supporto dell’ordine pubblico, fino ad arrivare a tutti i lavori a favore delle infrastrutture militari”.

OPERAZIONE “STRADE SICURE” –  In passato in alcune zone di Piacenza i militari sono scesi in strada insieme a polizia, carabinieri e guardia di finanza.  “C’è un impegno della Forza Armata che coinvolge anche le unità del nostro Reggimento in Emilia Romagna, in chiave interministeriale, a supporto delle forze di polizia e di ordine pubblico – spiega il colonnello Collina -. Saranno operazioni di “homeland security” coordinate dalle prefetture con le quali ci interfacceremo. Saremo chiamati a intervenire a favore della popolazione e ci stiamo organizzando per farlo nel miglior modo possibile nonostante le limitazioni imposte dal periodo che stiamo vivendo” .

“CASERME GREEN” – Da tempo si parla del trasferimento del Secondo Reggimento Genio pontieri dalla caserma Nicolai. “Le esigenze del nostro Reggimento rientrano nella riqualificazione infrastrutturale della Forza Armata al fine di rendere le future caserme completamente coerenti con i nuovi parametri dell’edilizia: green, risparmi dei consumi, copresenza di infrastrutture come alloggi e mense con spazi aperti e condivisi con la collettività come ad esempio centri sportivi. E’ un progetto pluriennale che si chiama “Caserme verdi” nel quale rientra anche Piacenza. Gli approfondimenti sono al vaglio della Forza Armata e senz’altro comporteranno uno studio della posizione della nostra sede”

© Copyright 2021 Editoriale Libertà