Fondo solidale

Crisi economica, ecco il microcredito piacentino: prestiti fino a 15mila euro

20 novembre 2020

“Un altro passo importante per combattere la crisi economica da Covid”. Si è dato così il via alla fase due del protocollo “Insieme Piacenza”, sottoscritto lo scorso luglio da Comune di Piacenza, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Caritas, Crèdit Agricole e Diocesi con un investimento complessivo di un milione e 700mila euro.

“Abbiamo deciso – ha premesso il direttore della Caritas Mario Idda – di riservare 450mila euro all’erogazione del microcredito”, uno strumento di sviluppo economico che permette l’accesso ai servizi finanziari alle persone in stato di povertà ed emarginazione. “I prestiti, erogati attraverso un istituto abilitato, vanno dai tremila ai 7.500 euro per le persone individuali con un Isee massimo annuo di 28mila euro, dai cinquemila ai 15mila euro per le ditte con ricavi annui non superiori a 100mila euro”. In entrambi i casi, la durata del prestito è di tre anni. L’iniziativa è stata illustrata stamattina (20 novembre) nel salone monumentale di palazzo Gotico: per ottenere il microcredito, bisogna contattare la Caritas al numero di telefono 0523.325945.

Il direttore della Caritas ha poi riassunto alcune azioni già messe in campo, come l’ampliamento del centro d’ascolto in via Giordani, la riapertura della mensa e il potenziamento dell’emporio solidale di via Primo Maggio con l’installazione delle celle frigorifere e l’incremento dei giorni d’apertura.

“Si tratta di un sostegno finanziario importante – ha spiegato il sindaco Patrizia Barbieri – per fronteggiare l’impatto devastante dell’emergenza Covid, aiutando le famiglie o le aziende”. Monsignor Luigi Chiesa ha letto un messaggio scritto dal vescovo Adriano Cevolotto, ricordando che “questo aiuto non è finalizzato alla sola assistenza, ma allo scopo di accompagnare le persone in una prospettiva di miglioramento della propria condizione di vita, per riprendere il cammino lavorativo e di piena integrazione sociale”. Per il presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano Massimo Toscani, “il brutto deve ancora venire, la primavera non sarà semplice”, perciò l’ente di via Sant’Eufemia delibererà un ulteriore stanziamento destinato al fondo solidale. 
La presentazione del progetto è stata introdotta anche dai rappresentanti di Credit-Agricole.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE