Coronavirus

Forno crematorio al massimo: “Per i morti in Lombardia”

21 novembre 2020


Il tempio crematorio di Piacenza è quasi al massimo per i morti della Lombardia. L’impianto sta lavorando sette giorni su sette all’85 per cento delle proprie possibilità. A confermarlo è Michele Marinello di Altair, la società che ha in gestione il forno piacentino così come altre 17 strutture analoghe in diverse regioni d’Italia.

“In marzo e aprile il problema era Bergamo, oggi è Milano – osserva Marinello – Soprattutto dalla zona sud della metropoli e da Lodi hanno chiesto aiuto a Piacenza per le cremazioni perché gli impianti lombardi non riescono a soddisfare la tragica lista delle vittime di Covid”.

IL SERVIZIO COMPLETO SU LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE