Fiocchetti sul Facsal, panchina rossa e messaggi dalla casa di riposo

25 Novembre 2020

“Amare è lasciare liberi, lasciar andare. Non controllare, possedere ad ogni costo. Finché ci sarà bisogno di una giornata internazionale contro la violenza sulle donne significa che i nostri No non saranno stati ancora abbastanza”.

Messaggi forti, fiocchetti rossi appesi ai platani secolari del Pubblico Passeggio, un piccolo gesto per una grande causa. Aumentare la consapevolezza delle persone per fermare la violenza sulle donne è la mission che le volontarie di Acli hanno voluto imprimere al cuore della nostra città, un obiettivo che deve essere quello di tutti, ogni giorno di più: i dati registrati e diffusi dalla questura di Piacenza parlano infatti di un preoccupante aumento delle denunce per maltrattamenti in famiglia. Violenze che rendono ancora più essenziale sensibilizzare e, soprattutto, prevenire.

“L’iniziativa dei fiocchetti rossi – spiega Sara Losi di Acli Piacenza – è stata pensata per raggiungere il cuore di tutti: per questo li abbiamo appesi lungo il Pubblico Passeggio, luogo amato e molto frequentato dai piacentini. Oltre ai fiocchetti si possono leggere anche diverse frasi e testimonianze di donne”.

“La violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci”. E’ la scritta azzurro cielo che campeggia sulla panchina rossa che la Cgil di Piacenza ha inaugurato proprio questa mattina. In provincia ce ne sono diverse. “Questa panchina è una sosta – ha affermato Giovanna Gheduzzi di Filctem Cgil – e sta a significare che ci siamo: tutti noi, ognuno coi propri mezzi, può fare tanto. Perciò è importante, ogni tanto, fermarsi ma soprattutto ascoltarsi”.

Infine anche gli ospiti della casa di riposo San Giuseppe, in collaborazione con il Piacenza Calcio, si sono uniti alla lotta, leggendo messaggi per dire no – una volta per tutte – alla violenza sulle donne.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà