Il Panificio Bergamini si aggiudica all’asta le villette delle terme

25 Novembre 2020

A Torino, si è trasformato in un duello tutto bobbiese l’asta per l’aggiudicazione dei 55mila metri quadrati di terreno che ospita gli scheletrì delle bollette di San Martino. Il Panificio Bergamini l’ha spuntata nei confronti della società “Bobbiofutura” di Marco Labirio e Maurizio Ridella.

L’ex assessore (fu tra i “licenziati” dal sindaco Roberto Pasquali per i dissapori alle elezioni regionali di gennaio) e oggi consigliere comunale a Bobbio Tino Bergamini, di ritorno dal Piemonte con l’avvocato Gnecchi, raggiunto telefonicamente spiega: “Siamo contenti, perché ora quel terreno è ritornato in mano ai bobbiesi, questo era il nostro obiettivo e ce l’abbiamo fatta”.

Sarebbe dovuto sorgere l’ormai celeberrimo complesso termale sul terreno, andato all’asta dopo il fallimento della torinese “Terme di Bobbio Village”.

Sarà ora interessante capire quale potrà essere la destinazione dell’area: “Ora intendiamo rapportarci con il territorio, con il Comune, per confrontarci sulle eventuali esigenze pubbliche che potrebbero trovare risposta in quest’area” ha detto ancora Tino Bergamini.

IL SERVIZIO COMPLETO SU LIBERTÀ IN EDICOLA NELL’ARTICOLO DI ELISA MALACALZA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà