La Levante potrebbe cambiare nome. Il 14 dicembre prime udienze

27 Novembre 2020

La stazione Levante di via Caccialupo potrebbe cambiare nome, probabilmente sarà denominata caserma di Sant’Anna. Prenderà cioè il nome dalla vicina chiesa. Il condizionale è d’obbligo perché non è ancora stato ufficializzato. Il possibile cambiamento è legato ai fatti che hanno visto coinvolta la caserma a partire dallo scorso luglio. Un modo per voltare pagina. Intanto l’inchiesta scaturita dall’operazione “Odysseus” che lo scorso luglio aveva portato all’arresto di sei carabinieri, alla denuncia di altri militar e all’incriminazione di un’altra decina di persone, per reati legati principalmente allo spacco di droga, comincia a confluire nelle aule del tribunale di Piacenza. E’ stata infatti fissata una prima data (14 dicembre) che porterà davanti al giudice alcune persone coinvolte nella vicenda. L’iter processuale si dividerà principalmente in tre tronconi che saranno a loro volta frazionati ulteriormente. Non vi sarà un maxi processo ma tanti processi. Gli accusati che compariranno il 14 dicembre davanti al giudice avranno facoltà di proporre, in accordo con i loro avvocati, riti alternativi rispetto all’ordinario.

Le imputazioni principali riguardano soprattutto i carabinieri che risponderanno, a vario titolo, di spaccio, peculato, falso, lesioni, tortura e sequestro di persona.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà