Niente autobus per il polo logistico e i lavoratori attraversano i binari

27 Novembre 2020

C’è una città cresciuta ad est di Piacenza, già più estesa di Piacenza storica. E’ il Polo logistico di Le Mose-Montale che si sta arricchendo di nuovi insediamenti. L’ultima fermata è sulla via Emilia e solo l’autobus n.19 si allunga sino al Tecnopolo Musp. Poco per quello che serve. Tanti facchini, e non solo, che lavorano qui, sprovvisti di mezzi propri, per accorciare i chilometri di strada fino all’area di Montale attraversano clandestinamente i binari nei due sensi, a piedi o con la bicicletta portata a mano, all’altezzadell’incrocio fra la ferrovia e Strada della Rovinaglia. Se seguissero percorsi normali i tragitti per andare e tornare dal lavoro sarebbero ben più lunghi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà