Controlli anti Covid, pattuglia serale nell’Unione Bassa Val Trebbia

06 Dicembre 2020

In Emilia scatta la zona gialla da domenica 6 dicembre, ma l’attenzione al rispetto delle regole non deve calare. Sulla base di questo principio nell’Unione Bassa Val Trebbia i vigili saranno in campo nelle ore serali per potenziare monitoraggi e controlli sul rispetto delle norme anti-Covid
I sindaci dell’Unione Bassa Val Trebbia hanno presentato un nuovo servizio di monitoraggio del territorio avviato dalla Polizia municipale nelle ore serali, dalle 19 alle 21.
Dal 23 novembre, e fino al termine dell’anno, una pattuglia è operativa oltre l’orario consueto per svolgere controlli sul rispetto delle regole di distanziamento, per verificare l’uso della mascherina e disperdere eventuali assembramenti nei comuni di Rottofreno, Calendasco, Gragnano, Gossolengo e Rivergaro.

“Siamo attivi 3 o 4 giorni a settimana, grazie alla disponibilità accordata dai vigili del nostro Corpo che hanno risposto all’invito a rendersi disponibili, dimostrando grande senso di responsabilità in un momento delicato come quello che ci apprestiamo a vivere con l’approssimarsi delle festività”, ha spiegato il comandante Paolo Costa, illustrando il progetto nel dettaglio. “Nella fascia oraria compresa tra la fine del pomeriggio e l’arrivo del coprifuoco, una pattuglia monitorerà il territorio con l’obiettivo di presidiare il rispetto delle norme di prevenzione del contagio fissate dai decreti”.
Soddisfazione per la novità è stata espressa dai sindaci di tutti i comuni coinvolti. “Passare dall’arancione al giallo è sicuramente una buona notizia, ma l’attenzione deve restare alta”, spiega Raffaele Veneziani, presidente dell’Unione. “Il servizio straordinario svolto dalla polizia municipale è fondamentale per rafforzare la presenza dei nostri agenti non tanto a fini punitivi, ma educativi, preventivi e di deterrenza”.
A finanziarlo sono i fondi destinati dal governo ai territori più colpiti dall’emergenza Coronavirus. Sul totale di 74 mila euro attribuiti all’Unione, 10 mila sono riservati al pagamento dell’attività supplementare della polizia locale; la quota restante è stata impiegata per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, misuratori della temperatura e transenne, oltre che per potenziare le necessarie attività di smartworking avviando anche uno specifico percorso di formazione riservato al personale.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà