Nel 2020 quattordici trapianti di rene. “Risultato eccezionale”

18 Dicembre 2020

Il 2020, che verrà ricordato come un anno da dimenticare, ha invece rappresentato, per qualcuno, un momento di rinascita. Sono i quattordici pazienti, seguiti dal reparto di Nefrologia dell’ospedale di Piacenza, che, proprio in questi dodici mesi, hanno ricevuto il regalo più bello: un rene nuovo. Persone che sono state sottoposte al trapianto e sono tornate ad una vita normale, recuperando la serenità, dopo anni di cure e dialisi.

Nel 2019 i trapianti effettuati erano stati 21, ma considerata la pandemia mondiale di Coronavirus che ha investito il sistema sanitario mettendolo a dura prova, il risultato raggiunto è ottimale. “Siamo molto soddisfatti – spiega il primario Roberto Scarpioni – perché siamo riusciti a portare avanti questi quattordici trapianti migliorando le condizioni di vita dei nostri pazienti, che non sono più obbligati a venire in ospedale tre volte alla settimana per sottoporsi alla dialisi. La chiave di volta è stata la collaborazione con i centri di Bologna, Parma e Pavia e la presenza di uno staff eccezionale che opera all’interno del nostro reparto. L’obiettivo futuro è quello di incrementare i trapianti anche a beneficio di persone con età più avanzata”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà