“Quando perdeva alle slot, tornava a casa e mi picchiava”. La testimonianza in tribunale

21 Dicembre 2020

“Mio marito era geloso in modo morboso, mi controllava il cellulare e gli era venuta la fissazione che avessi degli amanti”. Lo ha raccontato in tribunale una donna ucraina di 37 anni che viveva in un paese della Bassa, costretta ad andarsene a causa dei comportamenti violenti e ossessivi del marito, connazionale e coetaneo, imputato per maltrattamenti in famiglia.

“Aveva il vizio di giocare alle slot machine – ha raccontato la donna al giudice -. Quando tornava a casa, se aveva perso era nervoso e mi picchiava”. Scene di violenza a cui sarebbe stata spettatrice e vittima anche la figlia, che oggi ha 14 anni. L’imputato, arrestato e poi ai domiciliari, respinge le accuse.

IL SERVIZIO COMPLETO SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà