Torna a casa, sente dei rumori e suona il campanello: le aprono i ladri

22 Dicembre 2020


E’ tornata a casa e ha sentito dei rumori all’interno, quindi ha suonato il campanello. Ad aprirle la porta, anziché i familiari sono stati proprio i ladri che stavano tentando di svaligiare l’abitazione. E’ successo domenica intorno alle 19 in via Puglia a Roveleto di Cadeo.
La giovane rientrava con il fidanzato e sapeva che in casa in quel momento non doveva esserci nessuno dei suoi familiari, così insospettita ha suonato il citofono e poco dopo ha sentito un tonfo, probabilmente quello dei malviventi che sono fuggiti dal retro dell’abitazione dove erano entrati forzando la finestra del piano superiore dopo essersi arrampicati sulla grondaia.

I malviventi avevano iniziato a rovistare in una camera al piano di sopra ma sembra che nulla sia stato asportato. Sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno individuato le tracce lasciate dai ladri sul terriccio umido sul retro dell’abitazione. Si presume che potessero essere almeno in tre. Un episodio che non lascia tranquilla la 24enne, al pensiero di quel che sarebbe potuto accadere se si fosse trovata faccia a faccia con i ladri: “Se non avessi avuto lo scrupolo di suonare il campanello – osserva – sarei entrata in casa e me li sarei trovati di fronte”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà