A Bobbio creato il guscio dell’antidoto al Covid con brevetto europeo

29 Dicembre 2020

Parla piacentino la scatola-guscio che contiene l’antidoto contro quel mostro che si è portato via più di 1.200 persone solo nel nostro territorio. Un’idea venuta a Michele Frassinelli, con un brevetto diventato europeo. Frassinelli è presidente di “Lavorarea”, la realtà che ha voluto a Bobbio e in cui ora lavorano quattordici persone. Qui è stato creato il contenitore frigorifero per il trasporto dei vaccini anti Covid. E a guidare il mezzo, da Bobbio a Bologna e poi indietro, scortato dalla polizia stradale, è stato un 21enne, Mattia Pasquali, diplomato in ragioneria al “Tramello” e dipendente di “Lavorarea”. Il presidente Frassinelli spiega: “Nel tempo abbiamo sviluppato apparecchiature speciali che permettono a temperature controllate di trasportare sangue e non solo, monitorati tramite gps. Il sistema è tracciabile, con una tessera personale e registrazione di orari di apertura e chiusura. La configurazione è tipo trolley, con una maniglia estraibile e ruote, e funziona a batterie”.

Il brevetto otterrà a breve ulteriori certificazioni di qualità, uniche a livello internazionale come dispositivi medicali.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà