Comune e Camera di commercio, 700mila euro per la ripresa economica

30 Dicembre 2020

E’ stata firmata la convenzione che definisce la collaborazione istituzionale tra il Comune di Piacenza e la Camera di commercio, per la concessione di contributi utili alla ripresa in sicurezza delle attività economiche, nel quadro della emergenza sanitaria Covid-19, per un totale di 700mila euro.

La Camera di commercio ha attivato una linea di supporto finanziario destinata sia al Piano integrato per la concessione di contributi finalizzati al rilancio dell’economia, per il quale ha stanziato la somma di 275mila euro, sia al bando per la ripresa in sicurezza, per il quale ha stanziato la somma di 75mila euro. Il Comune di Piacenza ha deliberato uno stanziamento di ulteriori 350mila euro, da destinare a quest’ultimo intervento. In particolare si tratta della seconda edizione del bando dedicato alla messa in sicurezza delle attività economiche che vede tuttavia l’introduzione di alcuni adattamenti emersi anche alla luce del proficuo confronto avvenuto tra le due pubbliche amministrazioni. Attraverso questo nuovo bando, sono agevolabili gli interventi finalizzati alla messa in sicurezza dei locali dove si svolge l’attività economica o dei mezzi di trasporto ad essa strumentali, quali ad esempio taxi, bus, furgoni.

Le spese cofinanziate sono legate all’acquisto e installazione di impianti, attrezzature e dispositivi che consentano di riattivare e di proseguire l’attività economica, con garanzia di massima protezione per i lavoratori e i terzi; all’attivazione di servizi di sicurezza; agli interventi di igienizzazione e/o sanificazione degli ambienti, degli strumenti e degli indumenti di lavoro; all’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature per igienizzare in autonomia ambienti, strumenti ed indumenti di lavoro; all’acquisto di soluzioni disinfettanti e dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione al contagio.

Il contributo potrà essere riconosciuto alle imprese operanti in qualunque settore economico, in misura pari al 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 10mila euro. Gli interventi devono essere realizzati tra il 23 febbraio 2020 ed il 30 aprile 2021. Sono ammessi a finanziamento unicamente i progetti il cui budget complessivo sia uguale o superiore a mille euro.

Le domande potranno essere presentate dal 21 gennaio 2021, al 30 aprile 2021 e saranno esaminate sulla base dell’ordine cronologico di arrivo.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà