Alcol tra ragazzini, la pandemia fa lievitare i casi di intossicazione

15 Gennaio 2021

L’abuso di alcol come via d’uscita alla costrizione fisica e psicologica della pandemia? Il fenomeno riscontrato già in estate, subito dopo le riaperture, continua a rivelare il profondo disagio fra i giovanissimi. C’è chi arriva in pronto soccorso – parliamo anche di quattordicenni – con intossicazioni più acute che in passato, “almeno l’11 per cento in più del trend normale e una parte riguarda chi aveva già precedenti di consumo” conferma Antonio Agosti, medico del pronto soccorso e referente per la tossicologia clinica. E non è solo un problema dei giovani, aumentano anche le ricadute di soggetti già in carico al Sert. Poiché c’è minore evidenza nell’uso delle droghe, per la difficoltà di reperirle con le restrizioni al movimento, e nel gioco d’azzardo, ci si è riversati proprio sull’alcol, ben più facile da trovare.

IL SERVIZIO COMPLETO DI PATRIZIA SOFFIENTINI SU LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà