Gli negano la patente, minaccia il personale Ausl. Intervengono i carabinieri con il “negoziatore”

21 Gennaio 2021

Un uomo di 62 anni, residente a Piacenza, è stato arrestato mercoledì 20 gennaio dai carabinieri con l’accusa di minacce, interruzione di pubblico servizio, porto di armi atte a offendere. L’uomo, al quale pochi giorni prima era stata negata la possibilità di rinnovare la patente di guida per la mancanza dei requisiti, è ritornato negli uffici dell’Ausl di piazzale Milano minacciando il personale e pretendendo di ottenere la patente. Si è poi barricato in una stanza facendo uscire il personale e minacciando atti autolesionistici. Con sé aveva un coltello, un flacone di liquido infiammabile e un accendino.
Subito sono stati chiamati carabinieri, che attraverso il “negoziatore”, il militare dell’Arma addestrato a gestire situazioni analoghe, sono riusciti a riportarlo alla ragione e a farlo desistere dai suoi intenti.  Nessun carabiniere e nessun addetto dell’Ausl è rimasto ferito. L’uomo è noto alle forze dell’ordine per piccoli precedenti. Oltre al negoziatore sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile, della sezione operativa, del nucleo investigativo.

Il 62enne è stato condotto in caserma, è stata effettuata una visita sanitaria e poi è stato portato in carcere. Nella giornata di giovedì 21 gennaio il giudice ha disposto i domiciliari e rinviato il processo all’11 febbraio.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà