Vaccino Covid, Fase 2 da fine febbraio. L’Asl: “Precedenza agli over 80, pronti ad andare nelle case”

21 Gennaio 2021

Gli ultra ottantenni piacentini saranno i primi protagonisti nella Fase 2 della vaccinazione, slittata a fine febbraio per le carenze di forniture. E poi ci sono gli over 60 e fino a 79 anni. Si tratta di due fasce di popolazione dai numeri ragguardevoli: in 24.900 hanno più di ottanta anni e in 65.888 ne hanno fra i 60 e i 79.
Come andare incontro il più possibile alla fascia di popolazione anziana che include i centenari? “Per chi non potrà muoversi e viene seguito dall’Adi, l’assistenza domiciliare integrata, si andrà casa per casa con gli infermieri”, anticipa Anna Maria Andena dell’Ausl. Se invece la disabilità non è fisica, ma c’è un problema di solitudine e di mancanza di appoggi “dovrebbero attivarsi momenti di dialogo con i servizi socio sanitari e sarebbe utile che i Comuni potessero pensare a servizi di car sharing”, vale a dire una mobilità collettiva e condivisa per portare gli anziani ai punti vaccinali. Poi c’è il capitolo della montagna, difficile pensare di far muovere fino ai punti prelievi i grandi anziani se non in buona forma. “In montagna ci sono situazioni capillari da affrontare”. Non è esclusa nemmeno in questo caso la vaccinazione domiciliare.

IL SERVIZIO COMPLETO DI PATRIZIA SOFFIENTINI SUL QUOTIDIANO LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà