Apre una liuteria in centro, in piena pandemia: il suo violino conquista Uto Ughi

22 Gennaio 2021

Una vita tra note, scalpelli, sgorbie e crine di cavallo. A 36 anni, il piacentino Andrea Andalò, ha aperto un negozio in cui ripara, restaura e costruisce strumenti ad arco e lo ha fatto in piena pandemia Covid. In via Felice Frasi, a Piacenza, un tempio della musica si affaccia sulla strada. Dalle vetrine si possono ammirare violini e violoncelli che fanno sognare un ritorno all’arte, in un tempo in cui i musicisti e i teatri sono “sospesi”. Andrea si è diplomato maestro liutaio nel 2009 e, dopo alcune collaborazioni a Cremona, si è trasferito a Roma, dove ha lavorato al Chroma Officina Dei Violini Roma, un laboratorio d’eccellenza, grazie al quale ha imparato i segreti del mestiere ed è cresciuto professionalmente. Qui ha avuto la fortuna di collaborare con clienti di alto livello come l’Orchestra di Santa Cecilia o il grande Uto Ughi, considerato uno dei massimi esponenti della scuola violinistica italiana. Proprio quest’ultimo avrebbe apprezzato uno dei violini realizzati artigianalmente da Andalò. “E’ stata una soddisfazione immensa ricevere i complimenti del maestro Ughi, tramite il mio titolare – spiega il liutaio piacentino – se si considera che il Maestro è abituato a utilizzare violini di Guarneri e Stradivari, è un onore che abbia elogiato il mio strumento”.

Andrea, che è originario di Pontedell’olio, non ha resistito al richiamo della sua provincia e ha deciso di lasciare la capitale per aprire un laboratorio tutto suo a Piacenza. Ha avviato l’attività il 31 ottobre 2020: “Avrei dovuto aprire a maggio – racconta- ma l’emergenza Coronavirus me lo ha impedito rallentando le pratiche. Sicuramente è un periodo difficile perché i musicisti sono fermi, ma sto lavorando tanto con le scuole e gli studenti. Nel laboratorio si tengono anche lezioni private di musica. Ho deciso di buttarmi in questa avventura nonostante le difficoltà perché penso che sia un momento transitorio che prima o poi passerà e, per allora, la mia attività sarà già avviata e andrà bene. Voglio essere ottimista”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà