Calendasco, via libera al nuovo depuratore lungo il Trebbia

26 Gennaio 2021

Dagli scarichi del depuratore di Ponte Trebbia a Calendasco si riverserà in Trebbia acqua più pulita. Tutto questo sarà possibile grazie al progettato ampliamento e adeguamento dell’impianto, che si trova tra Malpaga e il ponte del Trebbia, in comune di Calendasco e in pieno Parco Regionale del Basso Trebbia, ma che raccoglie gli scarichi del comune di Rottofreno, compreso il centro abitato di San Nicolò.

Il progetto – del costo di due milioni e 500mila euro a carico di Ireti – ha lo scopo di adeguare i parametri di azoto dell’impianto alle nuove normative. Il depuratore sarà quindi ampliato da quattromila a seimila metri quadrati, ma la potenzialità resterà quella di 16mila abitanti equivalenti. Inoltre, sarà realizzata una difesa spondale in massi cicloplici, per una lunghezza di circa 120 metri, in modo da evitare che il Trebbia eroda la zona dell’ampliamento.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà