Bilancio settimanale: nella nostra provincia calati positivi e vittime. Già 13mila vaccinati

02 Febbraio 2021

 

Il 2 febbraio, come ogni settimana, l’Ausl ha fatto il punto sulla situazione epidemiologica nella provincia di Piacenza. I nuovi contagiati da Covid continuano a calare, ma con una percentuale significativamente ridotta rispetto alla settimana precedente (- 33% nel periodo 18-24 gennaio). Dal 25 al 31 gennaio 2021 i nuovi positivi sono stati 452 con una diminuzione solo del 7,2%. Comunque più alta rispetto all’Emilia Romagna dove il calo è stato del 2,9% e in Italia (+o,8%).  Il 60% dei nuovi contagiati presenta sintomi. Diminuiscono del 5% i ricoveri, che passano da 235 a 223. Resta invariato il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva (17). Fa ben sperare il dato sui decessi che segnano un calo del 34%, passando da 44 a 29. È aumentata la percentuale di tamponi effettuati (+ 4,2%) che sono stati 12.946. In totale le persone in quarantena o in isolamento sono 2.198.

VACCINAZIONI – Le vaccinazioni anti-Covid segnano un quasi +40%. Sono 13.089 le somministrazioni effettuate. Di queste il 65% a carico di operatori sanitari e quasi 2mila a ospiti delle strutture sanitarie. Al momento gli ospiti delle Cra vaccinati con una dose sono 1.508, mentre 223 hanno ricevuto la seconda dose. Nel giro di una settimana dovrebbero completarsi le vaccinazioni degli operatori sanitari. La percentuale di copertura è superiore all’80%. Al momento nella provincia di Piacenza sono 4.390 le persone sottoposte anche alla seconda dose.

SITUAZIONE CRA – Sono stati identificati 13 positivi tra gli ospiti e 11 tra gli operatori. Di questi 24, sono 14 gli asintomatici. “Ci aspettiamo un ulteriore miglioramento – spiega Luca Baldino, direttore generale di Ausl – visto che si sta avviando a conclusione la campagna delle vaccinazioni, si dovrebbe andare progressivamente verso lo zero.

“Siamo in una curva in discesa e i provvedimenti assunti durante le festività hanno dato i loro frutti. Speriamo di non trovarci nella situazione di metà dicembre con un aumento dei casi. Siamo fiduciosi di non vedere un forte incremento” – sottolinea Luca Baldino – abbiamo riaperto le agende per le vaccinazioni. Complessivamente riceviamo 3.300 dosi di Pfizer e 500 di Moderna e così dovrebbe rimanere per tutto febbraio, noi siamo in grado di vaccinare 1.900 persone a settimane tra prima e seconda dose.

Report settimanale al 31 gennaio

 

 

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà