Immigrati, la sanatoria procede a rilento. In sospeso ancora 1.504 domande

05 Febbraio 2021

Procede con lentezza la sanatoria per gli immigrati irregolari che si trovavano in Italia prima dell’8 marzo 2020 e che vogliono emergere alla luce del sole. Si tratta di colf, badanti e lavoratori agricoli. Sono 1.504 le domande presentate alla prefettura già l’estate scorsa, dopo un lungo e complesso iter burocratico che prevede passaggi in questura, ispettorato del lavoro e infine prefettura. C’è chi vorrebbe assumere il proprio lavoratore e veder completata la domanda. Il Covid ha però rallentato tutto. Dal mondo agricolo alcune associazioni di categoria fanno pressing perché si dia un colpo di acceleratore nell’esame delle domande. L’emersione dall’irregolarità, insieme al decreto flussi, sono le due vie per reclutare lavoranti e si avvicina a grandi passi la campagna di marzo per i trapianti del pomodoro.

TUTTI I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI PATRIZIA SOFFIENTINI SU LIBERTA’

© Copyright 2021 Editoriale Libertà