Anziano benefattore lascia tre milioni al Pio Ritiro Cerati. Don Basini: “Segno della Provvidenza”

11 Febbraio 2021

Importante lascito al Pio Ritiro Cerati da parte di un anziano benefattore. Le sue ultime volontà – erano contenute in poche righe, scritte a mano su un foglio bianco, ritrovato quasi per caso dentro l’armadio di casa – sono relative a una eredità milionaria destinata alla struttura di via mons. Torta: tre milioni di euro, tra denaro liquido, titoli di Stato e un’intera palazzina con sei appartamenti.

“Un’offerta molto generosa, una provvidenza” commenta don Giuseppe Basini, dal 2015 presidente della residenza per anziani autosufficienti e parzialmente autosufficienti.

Il benefattore è mancato nel marzo scorso all’età di 87 anni. Piacentino del sasso, Carlo Cesare Badagnani, ragioniere, era figlio degli storici sacrestani del Corpus Domini. Non si era mai sposato e aveva speso la vita tra il lavoro in banca e l’attività nella sua amatissima parrocchia. Un uomo “mite, morigerato, molto devoto” lo ricordano gli amici che oggi, appresi i contorni della sua scelta di donare tutti i suoi averi all’istituto clericale, sulle prime restano un po’ di stucco, ma dopo qualche secondo di riflessione la descrivono come “un gesto di magnifico altruismo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà