Passaggio di proprietà impossibile: denunciati due rivenditori di auto

16 Febbraio 2021

Salta il passaggio di proprietà e scattano due denunce. Ieri, 15 febbraio, due rivenditori di autoveicoli usati di 35 e 39 anni, titolari di una rivendita in provincia di Pavia, sono stati denunciati dai carabinieri di San Nicolò, per frode in commercio in concorso. Con una proposta davvero allettante, comprensiva infatti del passaggio di proprietà, il 6 novembre 2020, avevano venduto a un giovane 27enne, nato in Marocco residente a Gragnano, un furgone al prezzo di 2mila e 800 euro. All’atto della vendita i due rivenditori hanno consegnato la ricevuta sostitutiva del documento di circolazione, valevole 30 giorni, in attesa dell’effettivo passaggio di proprietà del mezzo. Trascorsi alcuni giorni, però, il giovane acquirente si è reso conto che non era stato eseguito questo passaggio di proprietà e, quindi, ha più volte chiesto chiarimenti ai due rivenditori, i quali lo hanno invitato a versare un’ulteriore somma di circa 520 euro a favore di un’agenzia incaricata in merito. Ma tale esborso, che tra l’altro non era previsto negli accordi di vendita, non ha sortito alcun effetto e quindi il passaggio di proprietà del mezzo è risultato impossibile. Il 27enne ha segnalato la vicenda ai militari di San Nicolò che hanno avviato gli accertamenti e denunciato i due rivenditori.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà