Rimossi i resti del cedro crollato. Presto la riapertura del parco

20 Febbraio 2021

La ditta incaricata dal Comune ha provveduto alla rimozione dei resti del grande cedro del Libano dei Giardini Margherita. Come ormai noto, l’albero è collassato in seguito alla grande nevicata di fine 2020 e il suo crollo ha toccato la sensibilità della comunità piacentina.

È questo il primo passo per garantire la riapertura in sicurezza dei giardini, che al momento sono ancora interdetti al pubblico. Così, dove prima si alzava il cedro, è rimasto solo l’archetto e la base del tronco, con tanto di radici, a ricordare che per oltre un secolo lì è vissuta l’unica pianta cittadina segnalata nell’elenco degli alberi monumentali della Regione Emilia Romagna.

Già dai giorni successivi il suo collasso, i cittadini hanno dato vita a una gara virtuosa di idee per salvare la memoria del gigante verde. Sono soltanto di pochi  giorni fa le parole dell’assessore all’ambiente Paolo Mancioppi, che al fine di salvaguardare il valore storico della pianta ha spiegato che il legno sarà destinato “in particolare agli studenti del liceo artistico Cassinari, per la realizzazione di un’opera che consenta di non disperderne il valore di memoria storica”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà