Tiziana va in pensione: è stata tra le pioniere del biologico a Piacenza

22 Febbraio 2021

Quando nel 1976 Tiziana Vigevani iniziò a stare dietro il banco del negozio “Pane quotidiano”, al civico 24 di via Illica, il biologico era un perfetto sconosciuto per i piacentini. Il chilometro zero ancora non era nato, la macrobiotica un modus vivendi “certificato” solo da una bottega in via Mazzini. Oggi, che di anni ne sono trascorsi 45, Tiziana è ancora dietro il banco del negozio che nel frattempo si è trasferito in via Calzolai. Ad aiutarla, al posto dei fondatori Adriano Corsi e Stefano Chiappa, ci sono Luigi Zurla e Fabrizio Polledri: sarà quest’ultimo a raccogliere il testimone della storica commerciante, che da lunedì sarà in pensione.

“Smetto perché credo sia giusto lasciare spazio ai giovani – spiega Tiziana – ho 67 anni, ho in mente tante cose che ho sempre rimandato: mi dedicherò  alla campagna, ai giri in montagna con mio marito”.

“Pioniera del biologico”: così Tiziana viene chiamata dai suoi clienti fra cui anche Giuseppe Zurla, che ben ricorda gli anni in cui “bisognava convincere la gente che per un sacrificio economico contenuto si potevano avere prodotti di qualità”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà