Ponte Lenzino, arrivata la trivella speciale. “Parole finite. Ora vogliamo i fatti”

26 Febbraio 2021

Sole, venti gradi e una trivella mastodontica arrivata con tanto di scorta per pubblica sicurezza – è un trasporto eccezionale in piena regola quello che ha attraversato la Statale 45 – per riuscire a bucare l’alveo del Trebbia là dove altri mezzi hanno fallito e installare i pali del ponte Bailey. Ora al cantiere a Lenzino non ci sono più alibi: c’è da fare.
La trivella altamente specializzata è stata montata ieri, giovedì 25 febbraio; quello che sperano gli operai delle ditte – capofila la “Pesaresi Giuseppe” di Rimini – è di riuscire quindi a metterla in funzione oggi e di lavorare tutto il fine settimana per riguadagnare terreno, approfittando anche dell’anticipo di primavera. Gli stessi vertici della “Pesaresi” hanno cercato nei giorni di fermo di non perdere tempo, e sono andati a Roma, a un incontro con Anas, per ragionare insieme su come risolvere la situazione difficile, aggravata dal maltempo di dicembre e gennaio, e che coinvolge nel pesante disagio 1.300 residenti di Alta Valtrebbia.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà