Incastrato da un informatore della “Levante”, spacciatore patteggia due anni

04 Marzo 2021

Ha patteggiato due anni di pena in Tribunale, a Piacenza, ieri 2 marzo, davanti al Gup Fiammetta Modica e al Pm Antonio Colonna, il cittadino albanese protagonista di una soffiata da parte di uno spacciatore concorrente che sarebbe stato legato ai carabinieri della stazione Levante. Soffiata che, lo scorso 3 aprile, aveva portato all’arresto dell’albanese, bloccato a Calendasco con quasi un chilo e mezzo di marijuana. A difendere l’uomo l‘avvocato Antonino Rossi. Secondo l’ipotesi investigative riguardanti l’inchiesta “Odysseus” l’informatore sarebbe stato in difficoltà a recuperare droga da spacciare a causa delle restrizioni dettate dal lockdown e avrebbe segnalato ai carabinieri della Levante che dall’albanese di Calendasco sarebbe stato possibile trovare lo stupefacente.

TUTTI I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI ERMANNO MARIANI SUL QUOTIDIANO LIBERTA’ IN EDICOLA OGGI 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà