Ambulatorio post-Covid: 330 pazienti in carico. Donato un ecografo portatile

16 Marzo 2021

L’ambulatorio post-Covid dell’ospedale di Castel San Giovanni potenzia le proprie dotazioni grazie alla generosità del Rotary Club Valtidone. I soci del sodalizio, guidato da Katia Gentili, hanno donato un nuovo ecografo portatile. Lo strumento, dotato di tecnologia wireless e quindi senza fili, consente di fare esami approfonditi in maniera molto più agevole. L’ecografo, del costo di circa 4mila euro, è stato acquistato grazie a quanto raccolto durante un concerto che lo scorso anno i soci del Rotary hanno organizzato nel parco di villa Braghieri. L’ambulatorio post-Covid, guidato dal primario di medicina Carlo Cagnoni, fino ad oggi ha preso in carico circa 330 pazienti reduci dall’infezione da Covid. Si tratta del primo ambulatorio del genere aperto in provincia e uno dei primi in Italia.

data-lightbox="liberta " href="https://www.liberta.it/wp-content/uploads/2021/03/161382879_3826039104155399_8350679864888388896_o.jpg"

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà