Monta la rabbia degli esercenti. Lertora: “Pronti a bloccare anche l’autostrada”

29 Marzo 2021

“Che sia prima o dopo Pasqua, noi siamo pronti a scendere in piazza. E se è il caso, anche a bloccare l’autostrada”. Parole così dure il presidente di Fipe Piacenza Cristian Lertora non le ha mai usate: in un anno di pandemia è sempre stato quello della conciliazione, della calma invocata a ogni costo, del rispetto della legge e delle norme, dell’“aspettiamo”. Ma all’ennesimo fine settimana con strade piene di gente, parchi affollati per picnic e aperitivi, manifestazioni sindacali nei giardini, la rabbia sale: la sua e quella di tanti esercenti che da settimane chiedono di poter riaprire.

“Vogliamo andare in piazza, anche con le partite iva, e far sentire la nostra voce – spiega Lertora – ce lo chiedono i nostri clienti e me lo chiedono i miei associati. Da settimane. Siamo anche pronti a bloccare l’autostrada, qualora ce ne fosse bisogno. Che sia prima o dopo Pasqua, ma noi siamo pronti a far valere le nostre ragioni che sono legittime”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà